Gamberi e gamberetti in acquario d’acqua dolce: compatibilità e caratteristiche generali

Gamberi e gamberetti in acquario d’acqua dolce: compatibilità e caratteristiche generali

Sono sempre più diffusi negli acquari gli invertebrati: gamberi, gamberetti, granchi, chiocciole e bivalvi. Questi animali sono spesso di piccole dimensioni e poco esigenti, sono quindi piuttosto indicati per molti tipi di acquario. Ciò non vale per tutti i crostacei e i molluschi: in questa pagina si analizzano le specie più comuni.

Gamberetti in acquario

I gamberetti più diffusi in acquario appartengono al genere Neocaridina e Caridina. Del primo vi sono diverse specie e tantissime varietà di colore, mentre del secondo genere è comunissima la Caridina multidenta, nota un tempo come japonica.

 

Le Neocaridina sono piccole, innocue e colorate. Ben si addicono ad acquari senza pesci o altri potenziali predatori, eventualmente anche di litraggio contenuto. Alcune varietà necessitano di qualche accortezza in più nella preparazione del fondo e dell’acqua, mentre le più famose Neocaridina davidi vivono tranquillamente in molteplici allestimenti diversi. Nella scheda sulle Neocaridina davidi vi è qualche informazione in più.

Le Caridina multidentata, invece, sono più grandi delle cugine. Possono arrivare a 5 cm di lunghezza, sono alquanto robuste fisicamente e anche longeve. Sono compatibili con la maggior parte dei medio-piccoli pesci tropicali sia d’acqua tenera, ma non troppo, sia con quelli di acque più dure. Una scheda per approfondire: Caridina multidentata

Talvolta i negozi dispongono di altri gamberetti, spesso venduti come Caridina, ma che non lo sono. Si tratta di gamberi del genere Macrobrachium, sbadati predatori di chiocciole e pesci deboli o già sofferenti, oppure Paleomonetes. Questi ultimi sono tipici animali da laghetto, mentre i primi sono adatti ad acquari tropicali con almeno 15-20°C a seconda della specie.

Cosa non dovrebbe mancare nell’acquario dei gamberetti

I gamberi d’acqua dolce

Non sono poche le specie di gamberi d’acqua dolce e sempre più numerose sono quelle disponibili in commercio. Escludendo i Procambarus clarkii e fallax non più di legale detenzione, diffusione e riproduzione, sono ancora accettati i Procambarus alleni, i Cherax e varie altre specie più o meno grandi. Tra i mini gamberi è d’obbligo citare i Cambarellus, di soli 4-6 cm, sono forse i più idonei ad acquari piccoli e piantumati.

I gamberi più grandi, di solito, sono avidi consumatori di piante acquatiche e instancabili scavatori. Costruiscono tane spostando pietre e legni, spezzando piante e arrampicandosi ovunque possibile. I Cambarellus, invece, sono più tranquilli nei confronti di vegetazione ed arredamento; tuttavia possono nascere dei litigi tra loro per questioni territoriali: è bene non ospitarne troppi nello stesso acquario.

Risultati immagini per Procambarus alleni
Procambarus alleni – foto web

Con i gamberi è bene evitare l’abbinamento di pesci, specialmente se poco abili nel nuoto. Con le chele possono tentare di cacciarli e, se va bene, riescono a ferirli soltanto. Con i Cambarellus, in particolare, potrebbe essere possibile l’accostamento con alcune specie ittiche.

I granchi d’acqua dolce

Granchi propriamente d’acqua dolce non ve ne sono tanti. Una specie correttamente di fiume è presente in Europa, ma non è allevabile. Quasi tutte le specie in commercio provengono da biotopi particolari, di transizione dall’acqua dolce a quella marina. Necessitano pertanto, almeno periodicamentec se non costantemente, di acqua salmastra. Senza generalizzare troppo, si può dire che di solito per allevare queste specie è preferibile un acquaterrario dedicato. Sottolineo – terrario – poichè è bene ricordare che i granchi hanno spesso attitudini anfibie. Con alcune specie è sufficiente posizionare alcune rocce o legni emersi, con altri è bene predisporre una seria zona terrestre.

Sesarma mederi

Per approfondire sulle specie d’acqua dolce disponibili in commercio puoi leggere qui.

Gamberetti alternativi

Tra i gamberetti alternativi sempre più apprezzati vi sono i Gammarus e gli Asellus.

I Gammarus, descritti nella scheda Gammarus ,  esigono acque non troppo calde, senza grossi pesci che potrebbero predarli. Gli Asellus, allo stesso modo, temono grandi animali predatori, mentre convivono benissimo con altri gamberetti, piccoli pesci e le piante. In questa guida viene descritto un nano acquario per Asellus: Boccia per Asellus.

Risultati immagini per Asellus
Asellus – foto web

Link utili

Per approfondire sui granchi: Granchi d’acqua dolce per acquario

Per chi volesse acquistare pesci e invertebrati d’acquario consiglio di rivolgersi alla serra TAD CREW, in quanto ha standard sanitari elevati e dispone di molte specie, anche quelle più particolari. Vende online e spedisce in tutta Italia ed Europa.

Author: Matteo Rancan

Mi chiamo Matteo Rancan, sono veneto e ho 19 anni. Ho un background di formazione privata in Direct Marketing e sono studente universitario di "Acquacoltura e Igiene delle produzioni ittiche". In Italia mi occupo di acquariologia e in America Latina sono azionista amministratore di impianti per l'acquacoltura alimentare. Sono in particolar modo specializzato nella direzione delle unità produttive di microrganismi per l'alimentazione dei pesci. Seguo anche diversi altri progetti, tra cui numerosi siti e canali divulgativi, come Colture Acquatiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *